RAGIONGEOGRAFICA - La grande comunità virtuale
Benvenuto! Ecco la comunità meteo e non solo pronta a ripartire con i nowcasting
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Nowcasting valdostano - Primavera 2012
Lun Lug 09, 2012 9:01 pm Da marcol200

» NC Canavese: aprile-maggio 2012
Mer Apr 18, 2012 7:22 pm Da Maurizio

» Tramonto mozzafiato - Ivrea, Lago Sirio 12/03/2012
Dom Apr 08, 2012 3:16 pm Da nevemania

» Nowcasting CANAVESANO / marzo 2012
Mer Mar 21, 2012 5:27 pm Da Maurizio

» NowCasting Marzo 2012
Lun Mar 12, 2012 1:05 pm Da nevemania

» Ondata di gelo - gli effetti
Gio Mar 08, 2012 7:46 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavesano - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:15 pm Da Maurizio

» Nowcasting VdA - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:14 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavese e Valli di Lanzo - Dicembre 2011
Lun Gen 09, 2012 3:03 pm Da Maurizio

» Nowcasting Valle D'aosta - Dicembre 2011
Sab Gen 07, 2012 8:03 pm Da Maurizio

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Aprile 2018
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Calendario Calendario


Perché l'uomo parla e lo scimpanzè no?

Andare in basso

Perché l'uomo parla e lo scimpanzè no?

Messaggio Da Maurizio il Gio Nov 12, 2009 8:51 pm

Fonte: La Stampa

L’uomo parla, lo scimpanzé no: la differenza è solo in un gene che funziona nel cervello. La scoperta è di un’equipe di ricercatori dell’Università di Los Angeles ed è stata pubblicata da Nature.

La proteina FOXP2 degli uomini è infatti diversa da quella dei primati perché si è evoluta diversamente nel tempo. Una mutazione che, per soli 2 amminoacidi, permette agli uomini l’uso della parola. Sarebbe stato proprio nel momento della mutazione del gene che l’uomo avrebbe smesso di utilizzare i suoni animali e sarebbe passato all’evoluzione di un linguaggio vero e proprio.

«Abbiamo mostrato - ha detto Dan Geschwind, autore della ricerca e capo dell’equipe di scienziati - che le due diverse versioni di FOXP2 di uomo e scimpanzé non sono diverse da un punto di vista molecolare ma funzionano in modo differente».

La funzione della proteina in questione è quella “accendere e spegnere” altri geni nel cervello delle due specie. Quella umana accende geni, a livello di controllo della parte inferiore della mascella, della lingua e del palato, che quella dell’animale più a simile all’uomo non può fare proprio perché non completa degli altri due amminoacidi.

Resta però da dimostrare come da questo si è poi passati a un’evoluzione cognitiva del linguaggio. Su questo gli scienziati non si sbilanciano: «Il fatto che l’uomo abbia poi sviluppato questa attitudine - ha detto Derek Bickerton professore di linguistica dell’Università delle Hawaii - non vuol dire che si sia prodotta automaticamente. Probabilmente l’uomo aveva delle necessità che altre specie non avevano».

___________________
Meglio un ottimista che ha torto che un pessimista che ha ragione
Albert Einstein
avatar
Maurizio
Fondatore
Fondatore

Numero di messaggi : 8091
Punti : 510731
Valutazione dei messaggi : -41
Data d'iscrizione : 03.04.09
Età : 22
Località : Ivrea, 235 m (TO) - Champoluc, 1572 m (AO)

http://ragiongeografica.unlimitedforum.com

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum