RAGIONGEOGRAFICA - La grande comunità virtuale
Benvenuto! Ecco la comunità meteo e non solo pronta a ripartire con i nowcasting
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Nowcasting valdostano - Primavera 2012
Lun Lug 09, 2012 9:01 pm Da marcol200

» NC Canavese: aprile-maggio 2012
Mer Apr 18, 2012 7:22 pm Da Maurizio

» Tramonto mozzafiato - Ivrea, Lago Sirio 12/03/2012
Dom Apr 08, 2012 3:16 pm Da nevemania

» Nowcasting CANAVESANO / marzo 2012
Mer Mar 21, 2012 5:27 pm Da Maurizio

» NowCasting Marzo 2012
Lun Mar 12, 2012 1:05 pm Da nevemania

» Ondata di gelo - gli effetti
Gio Mar 08, 2012 7:46 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavesano - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:15 pm Da Maurizio

» Nowcasting VdA - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:14 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavese e Valli di Lanzo - Dicembre 2011
Lun Gen 09, 2012 3:03 pm Da Maurizio

» Nowcasting Valle D'aosta - Dicembre 2011
Sab Gen 07, 2012 8:03 pm Da Maurizio

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Aprile 2018
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Calendario Calendario


La TV crea il "dizionario" degli under 18

Andare in basso

La TV crea il "dizionario" degli under 18

Messaggio Da Maurizio il Dom Ott 18, 2009 3:46 pm

Fonte: La Stampa
«Scialla», non per coprirsi ma per invitare a darsi una calmata; «Bella», non è un complimento rivolto a una ragazza ma il saluto più utilizzato dagli adolescenti italiani. «Emo», non è un extraterrestre ma il diminutivo di emotivo, aggettivo che indica chi tende al sentimentalismo mostrando il lato debole e vulnerabile del suo carattere. «Truzzo», non è un animale in via d’estinzione ma un «discotecaro» con capelli a spazzola e zeppe. Letteralmente «colui che va in discoteca», forse deriva dal suono onomatopeico «tuz tuz» identificativo della musica house. È il vocabolario dei giovani, irriverente, anticonformista, fantasioso, creativo. Uno slang fatto di sigle e metafore inventate, rielaborate, accorciate e qualche volta raddoppiate.

Un linguaggio che si evolve e cambia ogni dieci anni ed è quindi impossibile cercare di intrappolarlo e codificarlo nei classici dizionari, l’unica è stargli dietro in tempo reale. Se fino a qualche tempo fa infatti si usava l’italiano per le situazioni formali e il dialetto per quelle colloquiali e familiari oggi il linguaggio giovanile è diventato una realtà linguistica che sostituisce il gergo popolare a livello del parlare affettivo, emotivo e informale. Alla radice del linguaggio giovanile spesso c’è, opportunamente rielaborato, il dialetto.

Da una periferia all’altra cambia la compagnia di riferimento e ogni gruppo evidenzia qualche vocabolo autoctono. A Roma si va «a mazzetta» o «a rota» quando si fa qualcosa ripetutamente, quasi fosse un’ossessione. A Milano si va a «pasturare» non per pescare ma per andare a conoscere persone dell’altro sesso con lo scopo di avere rapporti. E se poi si rimorchia una «vreccia» vuol dire che la ricerca ha prodotto i suoi frutti.

A Napoli infatti è l’aggettivo che viene usato dai giovani per indicare una donna particolarmente dotata fisicamente. E se c’è qualche concorrente si può tranquillamente «pezzare», ossia fare a pezzi. «Il fenomeno del linguaggio giovanile - spiega il professore Michele Cortelazzo, docente di linguistica italiana all’università di Padova - è del tutto analogo a quello del vestirsi in una data maniera, a seconda del gruppo di appartenenza. L’intento -aggiunge l’esperto- è quello, da una parte, di distinguersi dagli adulti, e dall’altra, di condividere gli stessi valori e gli stessi obiettivi. Cioè il parlare allo stesso modo fa si che "io" sia uguale a quelli del mio gruppo ma contemporaneamente diverso da tutti gli altri che ne sono fuori».

Oltre al linguaggio cambiano anche i riferimenti nella comicità. Archiviata l'era di Drive in e Verdone, oggi il re assoluto si chiama Johnny Groove. Nato nel 2007 dall’attenta osservazione di Giovanni Vernia della vita notturna milanese e del panorama della musica house in generale, il personaggio più amato di «Zelig», cabaret comico di Canale5, ha conquistato i ragazzi del nuovo millennio ballando al ritmo di «Essiamonoi». Pantaloni pezzati, maglietta nera smanicata e occhiali da sole fascianti con il tormentone di «Ti stimo fratello» si piazza nelle prime posizioni della classifica degli slang più utilizzati dai giovani.

«I miei slang - riflette Giovanni Vernia - sono nati per caso, naturalmente, per il semplice fatto di essermi calato nel personaggio fino in fondo. Ad esempio, "Ti stimo fratello" deriva da un episodio casuale. Una mia spalla, durante alcune prove, mi ha suggerito una battuta divertente e io per ringraziarlo gli ho risposto con questa frase totalmente spontanea. Ci siamo messi tutti a ridere e da li è nato tutto. Fratello è poi il classico modo in cui si salutano e si chiamano fra di loro tutti i ragazzi del mondo, dai milanesi agli americani. La "r moscia" invece è dovuta al fatto che parlare così ti dà un’aria più da scemo».

___________________
Meglio un ottimista che ha torto che un pessimista che ha ragione
Albert Einstein
avatar
Maurizio
Fondatore
Fondatore

Numero di messaggi : 8091
Punti : 510731
Valutazione dei messaggi : -41
Data d'iscrizione : 03.04.09
Età : 22
Località : Ivrea, 235 m (TO) - Champoluc, 1572 m (AO)

http://ragiongeografica.unlimitedforum.com

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum